Amazon a Milano

Sciopero di Amazon a Milano – presidio in piazza XXV Aprile

Sciopero dei fattorini di Amazon a Milano martedì 26 Febbraio, presidio in piazza XXV Aprile, con conseguenti blocchi delle consegne in Lombardia. E’ prevista la partecipazione del segretario generale della Cgil, Maurizio Landini.

Nella mattinata di martedì lo sciopero interessa alcuni depositi di Amazon del Milanese e dintorni: via Toffetti, Origgio e Burago di Molgora. Lo sciopero riguarda le condizioni imposte dall’azienda di e-commerce che i driver giudicano eccessive, con ritmi di lavoro estenuanti e un numero di pacchi da consegnare che arriva anche al doppio della media per questo genere di lavoro.

La richiesta di Filt-Cgil, Fit-Cisl e Uiltrasporti è quella di un intervento responsabile di Amazon e di un “piano concreto sul carico di lavoro e sulle assunzioni per redistribuire le consegne, aumentare la qualità e costruire lavoro stabile. Perché se il futuro sarà digitale e smaterializzato le persone continueranno ad essere un valore”.

L’azienda statunitense ha commentato così le mobilitazioni: “Per le consegne ai clienti, Amazon Logistics si avvale di piccole e medie imprese specializzate. Attraverso i fornitori di servizi di consegna, gli autisti percepiscono salari competitivi e benefit. Amazon richiede che tutti i fornitori dei servizi di consegna rispettino le leggi vigenti e il Codice di Condotta dei Fornitori di Amazon, che prevede salari equi, orari di lavoro e compensi adeguati: effettuiamo verifiche regolari e conduciamo indagini su qualsiasi segnalazione di non conformità”.