shirin neshat

SHIRIN NESHAT “PULSE”

Il Sepolcreto della Ca' Granda ospita una mostra dedicata a Shirin Neshat, un'artista, che attraverso le sue opere racconta il ritorno alla luce.

L'opera in mostra è Pulse: fa entrare il visitatore negli spazi privati della camera di una donna, una ‘cripta’ femminile. La pulsazione di una musica, che proviene da una radio, guida il movimento della videocamera che entra nella stanza. La voce angelica di Sussan Deyhim canta, come in una nenia, i versi del poeta mistico del XIII secolo Rumi, sull’imprigionamento degli esseri umani legati alla vita materiale terrena, prima in un duetto con un uomo, poi con la protagonista del video, a cui la videocamera si avvicina sempre più portando il visitatore quasi a toccare lo struggimento della donna e a prendere parte alla sua preghiera solitaria. Quando la canzone finisce, la videocamera arretra fino a uscire dalla stanza e raggiungere il vuoto: non rimane altro che la pulsazione che riecheggia e risuona all’interno del corpo dello spettatore.

L’opera stabilisce con il luogo e il visitatore un gioco di rimandi e corrispondenze: la radio rappresenta nel lavoro di Shirin Neshat il punto di collegamento con il mondo esterno, così come lo schermo che trasmette l’opera riporta luce e vitalità in un luogo rimasto sino a ora segreto, mettendolo in dialogo con l’uomo di oggi.

DOVE: Ar.Se - il percorso dei segreti, via Francesco Sforza, 32

QUANDO: dal 25 Maggio al 15 Settembre 2018

ORARIO: da martedì a venerdì dalle 17.00 alle 22.00. Sabato e domenica dalle 15.00 alle 22.00

PREZZO: 6€

INFORMAZIONI: www.arsemilano.it

shirin neshat